Telemis presenta il software PACS 4.4 di nuova generazione

Le nuove caratteristiche incentrate su 'Facilità' & 'Ubiquità' facilitano il confronto, la condivisione e l'accesso in mobilità Telemis, azienda specializzata in soluzioni per il trattamento di immagini diagnostiche, presenta la nuova versione del suo ben noto sistema per la memorizzazione e comunicazione di immagini PACS (Picture Archiving and Communication System) in occasione della fiera e congresso Journées Françaises de Radiologie (JFR) di Parigi. Il software Telemis-Medical PACS versione 4.4 comprende ora funzioni potenziate per semplificare il confronto con immagini acquisite precedentemente e migliorare la condivisione di informazioni, insieme a nuove funzioni che supportano l'accesso tramite dispositivi mobili. La nuova versione 4.4 di PACS sviluppata da Telemis è stata sviluppata intorno a due concetti chiave: 'Facilità' (Easy) e 'Ubiquità' (Everywhere). Facilità: Da molti anni ormai, Telemis ha evidenziato la sue funzionalità di confronto tra esami dello stesso tipo, e di modalità diverse. La nuova versione comprende una funzione di confronto istantaneo che semplifica la valutazione del paziente, velocizza le osservazioni oncologiche e i relativi follow-up, e aiuta con le interpretazioni comparative in terapia intensiva. Ubiquità: L'accesso remoto alle immagini mediante la teleradiologia o attraverso un semplice consulto con il medico di base è già una realtà quotidiana per molti utilizzatori di Telemis PACS. La versione 4.4 aggiunge un'altra serie di novità significative in termini di capacità di visualizzazione e streaming delle immagini catturate e dei referti. Inoltre, l'aggiornamento del sistema TM-Publisher Web - una soluzione regionale per la distribuzione delle immagini - ora supporta un'interfaccia ottimizzata per i tablet, tra cui gli iPad 3 e i dispositivi basati su Android 4.0. Telemis ha anche introdotto importanti miglioramenti nel campo delle ricostruzione multiplanare (MPR) e della sovrapposizione di immagini di tomografia computerizzata e ad emissione di positroni (PT / CT) usate nella medicina nucleare. Inoltre, una nuova modalità "pausa" permette al radiologo di sospendere e riprendere facilmente il lavoro, offrendo una maggiore flessibilità nella gestione delle interruzioni, ad esempio per rispondere a richieste di colleghi o per svolgere altre attività correlate. L'amministratore delegato (CEO) di Telemis, Stephane Ketelaer, ha affermato: "La possibilità per medici e specialisti di accedere, condividere e confrontare rapidamente e facilmente file, immagini e video da qualunque luogo e usando qualunque tipo di dispositivo velocizza la diagnosi e il trattamento del paziente. Le funzioni supplementari inserite nella versione 4.4 di Telemis-Medical PACS soddisfano queste necessità, rendendo più semplice allo staff medico svolgere le attività che sanno fare meglio." Come gli scorsi anni, Telemis coglie occasione della manifestazione Journées Françaises de Radiologie per presentare i suoi più recenti prototipi dei prodotti in corso di sviluppo e le tecnologie avanzate sulle quali sta lavorando. I visitatori avranno l'opportunità di condividere le loro opinioni con gli specialisti di Telemis impegnati nella ricerca e sviluppo, discutere dei vantaggi offerti dalle soluzioni presentate e votare per le tecnologie e i prototipi più apprezzati. Telemis inserirà verosimilmente nelle prossime versioni di PACS le tecnologie presentate quest'anno che riceveranno il maggior numero di voti durante l'evento. (Venerdì, 19 ottobre 2012)

Decimo anno consecutivo in attivo per Telemis, che continua a sviluppare ed espandere la tecnologia PACS

Telemis, azienda specializzata in soluzioni per il trattamento di immagini diagnostiche, ha comunicato oggi di aver chiuso in attivo il bilancio per il decimo anno consecutivo, un risultato frutto del successo della sua strategia di espansione in Europa e dei continui investimenti in attività di ricerca e sviluppo. L'utile netto consolidato dell'anno fiscale 2011 - 2012 è stato di € 587.649, a fronte di un fatturato consolidato di € 7.515.194, in crescita rispetto ai € 6.841.952 fatti registrare l'anno precedente. L'azienda ha continuato a lavorare con un livello minimo di debito iscritto a bilancio, grazie a un totale dell'attività di oltre € 10,3 milioni e una riserva di liquidità di € 4,4 milioni. Il prodotto di punta di Telemis, il sistema per la memorizzazione e comunicazione di immagini PACS (Picture Archiving and Communication System) ora supporta anche formati video in alta definizione e permette di realizzare soluzioni integrate per la condivisione, l'archiviazione, il recupero e la modifica di immagini digitali, video in alta definizione e altri tipi di file multimediali. Telemis ha anche aggiunto un sistema di archiviazione dati basato su tecniche "cloud" alla sua gamma di servizi offerti alla clientela. Integrato nella versione 4.3 del sistema Telemis-Medical PACS, questa tecnologia offre una soluzione per l'archiviazione e l'accesso sicuro ai dati di immagini diagnostiche PET/CT rispettando tutte le esigenze e normative sul trattamento dei dati dei pazienti definite dalle varie autorità locali e nazionali. I risultati ottenuti sono stati comunicati durante la recente assemblea degli azionisti da Stephane Ketelaer, CEO del gruppo Telemis, che ha affermato: "Grazie alla solidità del nostro bilancio e alla continuità dei risultati finanziari positivi ottenuti, Telemis si trova in ottima posizione per proseguire nella sua strategia di crescita ed espandersi in nuovi mercati. L'azienda sta valutando un'ulteriore espansione geografica delle sue attività nel corso del 2012-2013, visto che la domanda per la gamma di innovative soluzioni medicali da noi proposte rimane forte". Per quanto riguarda la ricerca e sviluppo, Telemis è impegnata in un nuovo programma di investimento quinquennale dedicato a migliorare la sua architettura PACS. L'obiettivo è il miglioramento della soddisfazione dei clienti e la realizzazione di migliori funzionalità che aiuteranno medici e personale sanitario a lavorare insieme in modo ancora più efficiente. (Mercoledì, 8 agosto 2012)

Cloud computing al servizio della sanità con i servizi di archiviazione delle immagini diagnostiche (PACS) di Telemis

Servizi di cloud computing per la medicina adatti alla memorizzazione flessibile ed economica di dati sanitari secondo la legislazione e gli standard nazionali Telemis, azienda specializzata in soluzioni per il trattamento di immagini diagnostiche, ha aggiunto un servizio di memorizzazione dati di tipo cloud molto flessibile, comodo ed economico alle opzioni disponibili per i clienti che si avvalgono del suo software di archiviazione e trasferimento delle immagini, conosciuto come PACS (Picture Archiving and Communication System). La tecnologia cloud di Telemis garantisce la memorizzazione e l'accesso sicuro ai dati quali le immagini ricavate dalla tomografia computerizzata (CT) o dalla tomografia a emissione di positroni (PET), con la garanzia di sicurezza e riservatezza necessarie per il trattamento delle informazioni sui pazienti imposte dalle diverse normative locali o nazionali. Il cloud computing sta trasformando la modalità con la quale molti tipi di aziende gestiscono le loro informazioni e risorse. I dati memorizzati nella nuvola (cloud) possono essere consultati da dove e quando serve, senza doversi occupare in proprio delle tradizionali attività di installazione, manutenzione, backup e gestione della apparecchiature informatiche e delle relative competenze tecniche. Tali vantaggi sono molto interessanti anche per il settore della sanità, il quale però richiede il rispetto di norme ben più rigide sulla sicurezza e la privacy. Inoltre, la legislazione può essere diversa da paese a paese. Telemis sta procedendo con l'avviamento di alcune applicazioni di riferimento in Belgio, Francia, Svizzera e altri paesi rispettando tutte le regolamentazioni locali applicabili all'archiviazione dei dati sanitari. Tipicamente, la legislazione può richiedere la partnership con una struttura di data center ospitati nella stessa nazione. Telemis ha attivato tutti gli strati organizzativi sanitari, in termini di software e servizi, per garantire sia il rispetto della regolamentazione, sia il supporto delle esigenze avanzate dei pazienti. "I nostri siti di riferimento sono tra i pionieri dell'adozione del cloud computing in ambito sanitario e stanno già apprezzando i vantaggi offerti in termini di flessibilità ed economicità in anticipo rispetto alla prevista diffusione di massa di queste soluzioni," afferma Stephane Ketelaer, CEO del gruppo Telemis. "Telemis è ben posizionata per offrire l'esperienza e le risorse necessarie per supportare la rapida adozione e diffusione di questo approccio tecnologico." Tra le applicazioni che compongono il servizio, TM-Publisher di Telemis offre un'interfaccia web per l'accesso da parte degli specialisti ospedalieri, nonché del paziente e del suo medico di base, ai dati memorizzati su Internet in modalità sicura. Due codici di accesso sono associati con ciascuna cartella clinica, il che permette agli utenti autorizzati di accedere ai dati richiesti in qualunque momento senza alcuna limitazione della larghezza di banda. Ciò aiuta a superare il problema della lentezza spesso riscontrato dai medici di base nell'accesso ai server degli ospedali quando numerosi medici richiedono il servizio. Anche i pazienti possono accedere online alla loro cartella clinica. Le immagini possono essere archiviate in formato DICOM oppure .jpg, eliminando la necessità di ricorrere ad archivi cartacei, film o CD-ROM. L'interfaccia web mette a disposizione strumenti di elaborazione come lo zoom, la rotazione e la misurazione che facilitano l'analisi delle immagini. Un'altra applicazione è dedicata alle strutture sanitarie pubbliche che desiderano migrare gli archivi da un sistema di memorizzazione locale di tipo NAS o SAN a una soluzione di tipo cloud, senza richiedere ai propri responsabili dei sistemi informativi di eseguire attività di configurazione particolari. La riservatezza ottimatale dei dati viene mantenuta durante il processo di migrazione. Telemis illustrerà le prime dimostrazioni della sua tecnologia cloud in occasione della fiera e congresso Health Information Technologies (HIT Paris) che si svolgerà a Parigi dal 22 al 25 maggio 2012 a Porte de Versailles (www.health-it.fr). La tecnologia cloud verrà illustrata anche a Torino dal 1 al 6 giugno in occasione del congresso SIRM (www.congresso.sirm.org). Per coloro che non potranno partecipare direttamente a questi eventi, è stata prevista una demo online visibile all'indirizzo http://telemis.demo.grita.fr. (Lunedì, 21 maggio 2012)

RSNA 2011: Da PACS a MACS – La soluzione multimediale di nuova generazione di Telemis

Nel software PACS di seconda generazione il supporto integrato per immagini DICOM e non DICOM si fonde con ampie funzionalità di condivisione e multimedia Telemis, azienda specializzata in soluzioni di imaging medicale, offre ai visitatori dell'evento RSNA di quest'anno un'anteprima del software PACS (Picture Archiving and Communication System) di seconda generazione, che associa avanzate funzioni multimediali con il supporto di immagini sia DICOM sia non DICOM. Basato sulla più recente versione del software PACS Telemis-Medical, il nuovo “MACS” (Multimedia Archiving and Communication System) mette a disposizione un'unica soluzione integrata per la condivisione, l'archiviazione, il recupero e la modifica di immagini digitali, video ad alta definizione e altri file multimediali per un'ampia gamma di discipline mediche. Sono supportati tutti i formati DICOM standard, compresi DICOM-RT, DICOM Multiframe e DICOM-Video. Il sistema MACS consente a radiologi, specialisti di medicina nucleare, endoscopisti, chirurghi, medici clinici e a vari altri professionisti del settore medico di accedere in modo rapido e semplice agli stessi strumenti e funzionalità di visualizzazione tramite un'interfaccia intuitiva e coerente. Il sistema MACS non solo consente di condividere informazioni all'interno di un ospedale, una clinica o un ambulatorio, ma supporta anche l'accesso protetto dall'esterno, tramite PC e laptop, da parte di personale medico in trasferta o dislocato presso altre sedi. Inoltre, è disponibile un modulo che consente ai medici di base di accedere in modo protetto alle immagini medicali dei propri pazienti dal proprio ambulatorio. Il sistema MACS Telemis rappresenta la soluzione ideale tanto per ospedali, cliniche e ambulatori privati che intendono installare un sistema PACS, quanto per strutture che vogliono sostituire e aggiornare sistemi PACS già in uso di vari fornitori. Telemis ha sviluppato strumenti specifici per la migrazione e il recupero dell'anamnesi dei pazienti, garantendo così un passaggio rapido e ottimale al sistema MACS, sia come aggiornamento di un sistema PACS già esistente sia come migrazione totale da PACS a MACS. Stephane Ketelaer, amministratore delegato di Telemis, ha commentato: “La possibilità offerta a professionisti di varie discipline di accedere a file, immagini e video di interesse da qualsiasi luogo in qualsiasi momento può accelerare in modo significativo la diagnosi, il trattamento e la convalescenza dei pazienti. Gli esempi di applicazione sono molteplici: il sistema consente ai radiologi di programmare il trattamento da qualsiasi sala consulto, nonché di eseguire una procedura MPR dal proprio laptop; un chirurgo può esaminare il video HD di interventi ed esami endoscopici; un medico di base può accedere alle anamnesi dei pazienti per migliorare la diagnosi.” Integrata nella versione 4.3 del software PACS Telemis-Medical, la nuova funzionalità MACS offre anche una vasta gamma di strumenti per la collaborazione, che consentirà a radiologi e medici di collaborare in modo più efficiente. Queste innovazioni, che comprendono la condivisione delle schermate in tempo reale e un sistema di messaggistica istantanea, sono in grado di accelerare e semplificare la condivisione di opinioni fra due esperti. (Lunedì, 28 novembre 2011)

Pagine

Subscribe to telemis.com RSS