Il nuovo software PACS amplia le funzionalità integrate minimizzando la necessità di utilizzare tool di terze parti

Il nuovo software PACS amplia le funzionalità integrate minimizzando la necessità di utilizzare tool di terze parti.

La versione 4.7 della principale piattaforma dedicata all’archiviazione e trasmissione di immagini diagnostiche integra strumenti potenziati per effettuare analisi cliniche e radiologiche.

 

Louvain-la-Neuve, (Belgium), 9. Novembre 2015 – Telemis, azienda specializzata in soluzioni per il trattamento di immagini diagnostiche, ha presentato la nuova versione del suo ben noto sistema per la memorizzazione e comunicazione di immagini PACS (Picture Archiving and Communication System) in occasione della fiera e congresso Journées Françaises de Radiologie (JFR) di Parigi. Il software Telemis-Medical PACS versione 4.7 offre ai radiologi nuovi strumenti di analisi, tra cui un visualizzatore di risonanze magnetiche a 4 dimensioni, la funzione "tumor follow-up" integrata e un più efficiente sistema di tracciamento delle misure volumetriche. Il lavoro dei medici viene ulteriormente semplificato dalla disponibilità di un sistema di visualizzazione 3D e dalla possibilità di trasferire le immagini diagnostiche e 360°.

Un elevato livello di funzionalità integrate significa che il pacchetto Telemis-Medical PACS versione 4.7 migliora l’efficienza riducendo la necessità di utilizzare soluzioni di analisi delle immagini realizzate da terze parti. Ad esempio, a seguito delle attività di indagine e validazione svolte con i suoi clienti – tra cui centri di ricerca, ospedali e studi medici – Telemis ora offre dei tool di visualizzazione standard e avanzati per la visualizzazione multifase delle risonanza magnetica multi-echo. Per le patologie oncologiche, che rappresentano più del 40% dei casi in cui viene usato il software PACS, un sistema integrato flessibile e di semplice utilizzo per il tracciamento dei tumori semplifica la gestione storica dei casi archiviati su CD-ROM e il monitoraggio del progresso secondo i criteri CHOI, PERCIST e RECIST (1). I medici avranno anche il vantaggio di poter utilizzare un nuovo tool di visualizzazione tridimensionale, che rappresenta meglio le patologie semplificando la loro illustrazione ai pazienti.

Oltra alla visualizzazione, la versione 4.7 migliora anche le funzioni di comunicazione. L’integrazione del modulo "Skype in 1 click", ad esempio, facilita il dialogo tra i medici e, nel caso della teleradiologia, con i tecnici specialisti.

Il CEO (amministratore delegato) del gruppo Telemis, Stephane Ketelaer, ha dichiarato: "La comunicazione tra gli specialisti è fondamentale, così come la comunicazione tra gli utilizzatori e i nostri tecnici. La soddisfazione dei clienti, costruita con un stretto rapporto di collaborazione e un eccellente servizio di assistenza è al centro delle nostre attività. Questo è il motivo per cui, al nostro servizio di assistenza telefonica dedicato e alla nostra schiera di tecnici sul campo abbiamo affiancato nella versione del 4.7 una funzione che permette di collegare ogni utilizzatore alla nostra piattaforma di supporto con un solo click; utile sia per richiedere informazioni che per partecipare alle discussioni sul forum o segnalare la necessità di un intervento."

Come gli scorsi anni, Telemis coglie occasione della manifestazione JFR per presentare i suoi più recenti prototipi dei prodotti in corso di sviluppo e le tecnologie avanzate sulle quali sta lavorando. I visitatori avranno l’opportunità di condividere le loro opinioni con gli specialisti di Telemis impegnati nella ricerca e sviluppo, discutere dei vantaggi offerti dalle soluzioni presentate e votare per le tecnologie e i prototipi più apprezzati. Telemis inserirà verosimilmente nelle prossime versioni di Telemis-Medical PACS le tecnologie presentate quest’anno che riceveranno il maggior numero di voti durante l’evento.

 

(1) RECIST, PERCIST e CHOI sono tre criteri medici comunemente utilizzati per la valutazione dei trattamenti oncologici post intervento.

9. Novembre 2015